Top

 (+39) 0532 1915969 - (+39) 0434 1855191

Sette mesi fa Twitter ha rilasciato agli sviluppatori lo strumento Answers, che fa parte di una suite chiamata Fabric e serve a migliorare le prestazioni e lo sviluppo di applicazioni mobile e l'integrazione con altri servizi.

Answers è basato sul tool Crashlytics acquisito nel 2013 e aiuta a capire come e perchè un app "crasha". L'obiettivo è quello di aiutare gli sviluppatori a capire meglio gli utilizzatori delle App, come cresce il loro numero e cosa può far migliorare il funzionamento delle applicazioni stesse.

Il successo si misura in numeri e attualmente Answers segue 5 miliardi di sessioni giornaliere, indice che lo strumento è molto apprezzato.

Il tool di analisi è stato reso fruibile al di fuori della suite Crashlytics per rendere disponibili le informazioni non solo a chi crea il software, ma anche ad altri membri dell'azienda che vogliono capire come sta andando la propria app senza dover utilizzare gli stumenti dei programmatori.

Twitter si sta quindi impegnado sempre di più nel mondo dei programmatori mettendosi in concorrenza con altri strumenti come Google Analytics e Flurry, ma è chiaro che si stia seguendo il trend lanciato da Steve Ballmer (ex CEO Microsoft) che per far capire cosa fosse di vitale importanza per il successo dell'azienda disse: "developers, developers, developers" "sviluppatori, sviluppatori, sviluppatori".